FORMAZIONE PER GLI OPERATORI E GLI ADDETTI AL SETTORE ALIMENTARE

Tra i requisiti preliminari fondamentali per impostare un piano di autocontrollo basato sui principi dell’HACCP vi è la formazione del personale.

Il personale impegnato nelle fasi di preparazione, somministrazione, vendita e magazzinaggio degli alimenti ha una grande responsabilità sulla qualità complessiva del prodotto offerto e sulla salute del consumatore. La manipolazione dei prodotti può infatti far crescere il rischio di contaminazione microbica, chimica, fisica e particellare. Per prevenire questo pericolo il personale addetto deve essere correttamente istruito sui comportamenti da tenere al fine di ridurre al minimo o evitare la contaminazione dei prodotti.

La formazione rappresenta quindi un’assoluta necessità per un’efficace gestione dei sistemi di autocontrollo; infatti qualsiasi tentativo di applicazione dei principi del sistema HACCP nella lavorazione è destinato a fallire senza l’apporto responsabile e determinante del personale addetto alle lavorazioni.

La formazione è obbligatoria per legge: il Capitolo XII dell’Allegato II del Reg. CE 852/2004 stabilisce che l’Operatore del Settore Alimentare (OSA) / Titolare dell’impresa alimentare deve assicurare che:

- gli addetti alla manipolazione degli alimenti siano controllati e abbiano ricevuto un’adeguata formazione e/o addestramento in materia d’igiene alimentare, in relazione al tipo di attività;

- i responsabili della gestione della procedura del sistema di autocontrollo abbiano ricevuto un’adeguata formazione per l’applicazione dei principi del sistema HACCP;

- siano rispettati i requisiti della legislazione nazionale in materia di programmi di formazione per le persone che operano all’interno dell’impresa alimentare.

Il compito di stabilire il modo in cui questa formazione viene organizzata è affidato agli Stati Membri dell’UE e in Italia alle singole Regioni. L’applicazione della formazione viene stabilita dal D.Lgs. 193/2007, dal Decreto n. 19 del 22 Gennaio 2004 e nelle Marche dal D.G.R. del 27 marzo 2006, n. 2173 .

La durata del CORSO BASE è di 10 ore. Tale formazione deve essere AGGIORNATA CON CADENZA TRIENNALE e ogni volta che variazioni del processo produttivo e/o tecnologico lo richiedano.